Nuovo video del test finale del ROV sviluppato nell'ambito del Progetto COMAS

Venerdì, 22 Gennaio 2016 10:48

Si è svolto con successo il test finale del ROV sviluppato nell'ambito del progetto COMAS. Il ROV, prodotto da Ageotec, è stato equipaggiato con uno speciale braccio sensorizzato dotato di una spazzola azionata elettricamente. La spazzola rotante permette la pulitura delle superfici dei manufatti sottomarini in modo da evitare la colonizzazione biologica. I sensori di posizione e di forza montati sul braccio e sull'end effector permettono un controllo preciso delle operazioni. Inoltre il ROV è stato equipaggiato con una telecamera 3D ottico acustica sviluppata dall'Università della Calabria e da WASS che permette di fornire al pilota ROV una mappa di profondità della scena su cui si sta operando.

Sonar 3D di Wass, risultato del progetto CoMAS, vince Premio Innovazione.

Giovedì, 05 Novembre 2015 11:09

Il "Sistema per imaging acustico tridimensionale real-time" realizzato da Wass nell'ambito del progetto CoMAS ha vinto il Premio Innovazione per la categoria Innovazione incrementale.

Scarica la nota stampa.

Nuovo video dei test degli strumenti e dei materiali sviluppati nel progetto COMAS

Sabato, 17 Ottobre 2015 19:06

Nel mese di settembre 2015 sono stati condotti i test finali degli strumenti e dei materiali per il restauro e la conservazione dei manufatti archeologici sommersi sviluppati nell'ambito del Progetto COMAS.

La sperimentazione è stata effettuata presso Porto Giulio nel Parco Archeologico Sommerso di Baia su autorizzazione della Soprintendenza Archeologia della Campania. Le operazioni sono state condotte dal personale dell'Istituto Centrale per la Conservazione e il Restuaro.

CONVEGNO CONCLUSIVO DEL PROGETTO COMAS

Martedì, 06 Ottobre 2015 17:59

 Logo Comas

NUOVE TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO SOMMERSO: I RISULTATI DEL PROGETTO COMAS

 

Castello di Baia, Via Castello, 39, Bacoli (NA)

28 Ottobre 2015 - ore 10:00

 

Il convegno illustrerà i risultati conseguiti dal Progetto COMAS che attraverso la collaborazione fra aziende, università e istituzioni ha permesso lo sviluppo di tecnologie, prodotti e metodi innovativi per il restauro e la conservazione del patrimonio archeologico sommerso.

Il convegno sarà anche l’occasione per conoscere da vicino il Parco Sommerso di Baia che, grazie alla collaborazione della Soprintendenza Archeologia della Campania, è stato il teatro principale della sperimentazione dei risultati del progetto.

 

Programma

Moderatore: Roberto Petriaggi, Direttore di Archaeologia Maritima Mediterranea

10:00 Registrazione dei Partecipanti

10:30 Apertura del Convegno

Gino Mirocle Crisci, Magnifico Rettore dell’Università della Calabria (UNICAL)

Gisella Capponi, Direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR)

Alessandro Franzoni, Amministratore Delegato di WASS - Whitehead Sistemi Subacquei S.p.A.

Lorenza Manfredi, Esperto tecnico scientifico per il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca

11:00 Saluti delle autorità

Adele Campanelli, Soprintendente Archeologico della Campania

Mariella Utili, Direttore del Polo Museale della Campania

Tommasina Budetta, Soprintendenza Archeologia della Campania

Maria Grazia Ruggi d’Aragona, Soprintendenza Archeologia della Campania

Pierfrancesco Talamo, Soprintendenza Archeologia della Campania - Polo Museale della Campania

Josi Gerardo Della Ragione, Sindaco del Comune di Bacoli

11:30 Ricordo di Paolo Caputo

11:45 Apertura dei lavori

Gabriele Gomez de Ayala - Filomena Lucci, Associazione Fillirea

L’Area Marina Protetta di Baia e il Progetto COMAS: una sinergia per lo sviluppo della ricerca

Barbara Davidde, ISCR

La conservazione in situ del patrimonio archeologico sommerso: il contributo dell’ISCR al Progetto COMAS

Mauro La Russa, UNICAL - Enrico Maccaglia, Syremont s.p.a.

Nuovi prodotti per la conservazione dei materiali lapidei in ambiente subacqueo

Fabio Bruno, UNICAL

Strumentazioni innovative per il restauro subacqueo

Giuseppe di Stefano, Ageotec s.r.l.

Sviluppo di un veicolo a controllo remoto per la manutenzione delle strutture sommerse

Ramona Guida, WASS - Whitehead Sistemi Subacquei S.p.A.

Un sonar innovativo per l’archeologia subacquea

Giacomo Saviozzi, Scuola Superiore S. Anna di Pisa

Sensorizzazione e controllo di un veicolo subacqueo dotato di braccio manipolatore

13:30 Pranzo a buffet offerto da WASS S.p.A.

14:30 Visita al Museo e dimostrazione delle tecnologie sviluppate nell’ambito del Progetto COMAS

16:00 Chiusura lavori

 

La partecipazione al convegno è gratuita previa registrazione sul sito 

 

Allegati:

 - Programma del Convegno

 - Locandina del Convegno

The CoMAS Project results will be presented and exhibited at the IEEE/MTS OCEANS 2015 Conference

Lunedì, 04 Maggio 2015 14:56

Some of the results achieved in the COMAS project will be presented at the MTS/IEEE Oceans'15 Conference. The following two papers will be included in the proceedings:

1) A ROV for supporting the planned maintenance in underwater archaeological sites

2) Electromechanical devices for supporting the restoration of underwater archaeological artefacts

Many researchers from Unical, ISCR, Ageotec and SSSA have been involved as co-authors.

Some of the prototypes developed in the COMAS project will be also shown at the MTS/IEEE Oceans’15 exhibit that is held in parallel to the conference sessions, in the “Magazzini del Cotone” Conference Centre and it is open to all the registered conference participants.

ISPRS / CIPA Workshop "UNDERWATER 3D RECORDING & MODELING"

Martedì, 13 Gennaio 2015 15:19

The ISPRS / CIPA workshop on UNDERWATER 3D RECORDING AND MODELING aims at bringing together scientists, developers, companies and users in underwater 3D recording and related disciplines. The workshop will represent a meeting platform for various disciplines like Cultural Heritage, environmental monitoring, 3D surveying and modeling, biology, reverse engineering and industrial metrology.
The event will feature 2-days of oral presentations and posters with an exhibition of underwater-related companies.

The key topics of the event include but are not limited to:
- underwater photogrammetry
- underwater platforms (ROV, robots, etc.)
- 3D bathymetry
- active and passive sensor integration and characterization
- data processing and 3D modeling
- underwater archaeology and heritage
- marine biology

The event will feature three excellent invited speakers:
- Pierre Drap (http://www.lsis.org/cipa-uwp/)
- Mark Shortis (http://www.rmit.edu.au/staff/mark-shortis)
- Guido Gay (http://www.gaymarine.it/gaymarine.htm)

Important dates
- JANUARY 15th, 2015: Abstract submission (max 1000 words, possibly with figures)
- JANUARY 30th, 2015: Notification to authors
- MARCH 15th, 2015: Final paper submission (ISPRS format, max 8 pages)
The submitted articles will be published in the ISPRS Archives of Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences (http://www.isprs.org/publications/archives.aspx).

Registration fee
- EARLY (before January 30th, 2015): 180 Eur
- LATE (before April 9th, 2015): 210 Eur
- ON-SITE: 250 Eur
The fee includes the participation to the event, proceedings, coffee breaks, lunches and the social dinner

Venue
The ISPRS / CIPA workshop will take place in Villa Fondi De Sangro, an historical villa in Piano di Sorrento (Naples, Italy). It can be easily reached by train from Naples (Italy) and it's located in the Sorrentine Peninsula. Close to the venue there are many hotels for accommodations with prices ranging from 40 to 75 Eur.

 

Organized by

 

flyer workshop underwarter 3d

 

Nuova versione dello strumento per la pulitura dei siti archeologici sommersi (Giugno 2014)

Venerdì, 20 Giugno 2014 00:00

Nel corso di una campagna di sperimentazione svolta presso il Parco Archeologico Sommerso di Baia (NA) è stato testato una nuova versione dello strumento per la pulitura, denominato manipolo portautensili. Questa nuova versione dello strumento, rispetto a quella sperimentata nel 2013, si presenta più leggera e compatta ma con una potenza ancora maggiore. E' stata modificata anche l'impugnatura per fornire al restauratore una presa più salda durante le operazioni. 

Oltre ai ricercatori dell'UNICAL, hanno partecipato alle attività Barbara Davidde e Marco Ciabattoni dell’ISCR, Roberto Petriaggi e Gabriele Gomez de Ayala in qualità di collaboratori scientifici.
Tutte le attività sono state svolte sotto la supervisione di Salvatore Carandente, restauratore della Soprintendenza.

Prodotti consolidanti e antifouling per la conservazione dei siti archeologici sommersi

Mercoledì, 04 Settembre 2013 07:03

Questa attività consiste nella formulazione di prodotti, ad azione consolidante e antimicrobica, applicabili su materiali lapidei da conservare in ambiente subacqueo. Sono stati utilizzati materiali fotocatalitici come il biossido di titanio.

Sperimentazione delle tecniche di pulitura presso il Parco Archeologico Sommerso di Baia (Giugno 2013)

Venerdì, 28 Giugno 2013 22:37

La campagna di prove in mare condotta a Baia nel mese di Giugno 2013 si è concentrata sui test relativi al manipolo per le operazioni di carotaggio e pulitura meccanica. Il manipolo, infatti, è stato strumentato con diversi sensori ed un data-logger che ne registra le misurazioni durante l’impiego; in particolare vengono misurate la temperatura, la spinta assiale e i parametri di funzionamento del motore (corrente assorbita e numero di giri), variabili che, associate poi al tipo di materiale lavorato, di colonizzazione biologica rimossa e di utensile impiegato, forniranno importanti informazioni per definire le specifiche su cui verrà progettata la nuova versione del manipolo. Il manipolo è un prototipo, progettato e realizzato presso il DIMEG dell’Università della Calabria. Il manipolo portastrumenti finale sarà una macchina utensile portatile utilizzabile per diverse finalità, essendo dotato di un elemento rotante al quale potrà essere fissato l’utensile che meglio si presti all’operazione da compiere. 

Oltre al manipolo è stata anche testata la microfresa progettata per la rimozione delle incrostazioni più tenaci.

Le immersioni sono state svolte nel Parco Archeologico Sommerso di Baia di Bacoli (NA) ed hanno riguardato, in particolare, un’aula del caldarium con pavimento su suspensurae delle terme della “Domus con ingresso a protiro” (o anche Villa a Protiro).

Oltre ai ricercatori dell'UNICAL hanno partecipato alle immersioni: Barbara Davidde e Marco Ciabattoni dell'ISCR, Filomena Lucci, Roberto Petriaggi e Gabriele Gomez de Ayala in qualità di collaboratori scientifici. Le prove sono state effettuate utilizzando una spazzola metallica su vari materiali lapidei sporadici e diversamente colonizzati da organismi bentonici. Tutte le attività svolte sono state documentate da riprese video e fotografiche e sono state svolte sotto la supervisione dal Sig. Salvatore Carandente, della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei. Le attività di pulitura sono state eseguite dal Dott. Riccardo Mancinelli, restauratore incaricato dall’ISCR.

 

Sperimentazione nel sito archeologico di Baia(NA): test delle tecniche di pulitura

Mercoledì, 20 Giugno 2012 00:00

Dal 19 al 22 Giugno 2012 sono state svolte presso il Parco Archeologico Sommerso di Baia di Bacoli (NA) delle immersioni per effettuare i primi test con il prototipo di manipolo portastrumenti subacqueo per la pulitura meccanica dei reperti. 

Pagina 1 di 2